Monastero di San Michele

Lonate Pozzolo - 1995 / 1998
Progetto: Luigi Ferrario
Strutture: Giuseppe Pistone
Sovrintendenza Beni Ambientali e Architettonici: Luca Rinaldi
Indagini storico archivistiche: Franco Bertolli, Fausto Lincio
Indagini apparati murari: Giampiero Brogiolo, Aldo Maifreni
Indagini diagnostiche: Studio Bossich
Indagini strutture lignee: Nicola Macchioni
Indagini terreni: Tecno Brianza s.r.l.
Impianti di riscaldamento: Tecnopolymers, Lachiarella
Appaltatore: Impresa F.lli Vecchierelli s.r.l., Milano
Collaboratori: Stephen Paolo Citrone, Stefano Comba, Ilka Giller, Dario Saita, Tsuchida Yasushi, Miyo Yoshida, Stefan Zieger

Il progetto conservativo di questo monastero di origine Quattrocentesca propone interventi discreti e rispettosi delle strutture originarie dell’edificio ma non rinuncia ad introdurre forti elementi contemporanei.

L’edificio, che aveva fin dalla sua origine una destinazione collettiva, di carattere religioso, e per questo ben differenziato all’interno del contesto architettonico della città, ha mantenuto questa sua caratteristica ed è stato così destinato alla realizzazione di una nuova biblioteca comunale, un archivio, alcune sale di lettura e un museo.

I criteri di progettazione della biblioteca si sono ispirati ai sistemi a ballatoio della biblioteca di Stoccolma di Asplund, e a quelle di Alvar Aalto.

Sono stati inseriti nel progetto degli elementi contemporanei, come le scale in ferro, i sistemi a ballatoio e gli arredi mobili, ispirati ai criteri di compatibilità, reversibilità e leggibilità sui quali ha fondamento la moderna teoria della conservazione.